Vai a…

Cuoredilazio on YouTubeRSS Feed

Archivi per Novembre 2016

Mamma Angela, «Il sogno di Alessandro Rossi? Diventare una bandiera biancoceleste»

(30 novembre 2016 ore 9.15) 10 domande ad Angela Maggioli, la mamma di Alessandro Rossi, il bomber della Lazio Primavera, da cui traiamo un ritratto molto bello del centravanti viterbese, le cui qualità tecniche e morali con cui onora la maglia biancoceleste lo rendono molto amato dai tifosi. Nella chiacchierata con Angela emergono valori sani

Manzini è….

(25 novembre 2016 ore 11.15) Scrivere di Maurizio Manzini è come volare sulle ali di un’aquila simboleggiante l’effigie di un’icona vivente che personifica la storia della Lazio. Ogni definizione sarebbe una «deminutio» per tutto quello che Manzini ha rappresentato, rappresenta e rappresenterà nel mondo biancoceleste. Datare nel 1971 il suo avvento alla Lazio è una

Chiedi chi erano gli Eagles’ Supporters… (terza puntata)

(19 novembre 2016 ore 8.30)  «Ilarioooooo Ilariooooo Ilariooooo», il coro degli Eagles era quasi un’evocazione propiziatoria quell’anno, il 1981, che doveva segnare, assolutamente e necessariamente, il ritorno in serie A della Lazio, sbattuta in serie B l’anno prima da uno scandalo scommesse che fu lo spartiacque negativo della nostra storia. La Lazio era stata costruita nei

Meo amigo Sergio…

(15 novembre 2016 ore 12.50) 15-11-1974. Nasce il meo amigo Conceicao uno dei protagonisti dello scudetto del centenario e di tanti altri trofei. Rimane nella memoria quel gol decisivo che… sbanco’ lo stadio della Juventus in un’indimenticabile finale di supercoppa italiana. Il.gol della vittoria e la sua esultanza sono nei cuori di tutti quei tifosi

La mia Lazio, ovvero la storia d’amore tra Cesare Persichelli e la Lazio (parte seconda)

(10 novembre 2016 ore 13.00) Eccoci alla seconda parte dell’intervista concessaci da Cesare Persichelli, una vera e propria bandiera della storia della Lazio. In questa seconda parte si parlerà di attualità e molte considerazioni dell’avv. Persichelli suscitano interesse per la profondità dei giudizi e la perspicuità del linguaggio. Lasciamo dunque ancora la parola, se così

Post più vecchi››