Vai a…

Cuoredilazio on YouTubeRSS Feed

I Grandi laziali nati oggi: Cristian Ledesma


( sabato 24 settembre 2016,ore 11,35)

tratto da www.Laziowiki.org

Centrocampista, nato a Buenos Aires (Argentina) il 24 settembre 1982.

Cresciuto nelle giovanili del Boca Juniors, con la cui settima squadra esordisce a 15 anni. Nel 2001 è segnalato dal direttore sportivo del LeccePantaleo Corvino, che decide di portarlo nella squadra pugliese dove si segnala come uno dei migliori in campo in ogni partita. In giallorosso ha disputato un campionato in Serie B totalizzando 29 presenze e un gol, mentre nei 4 campionati di Serie A ha collezionato 68 presenze e 2 reti.

Nel luglio 2006 dopo la retrocessione dei salentini è stato acquistato dalla Lazio. Dopo un avvio di campionato difficile, diventa uno dei pilastri della squadra biancoceleste anche grazie al goal segnato all’incrocio dei pali che realizza da oltre 30 metri nel derby vinto il 10 dicembre 2006dalla Lazio col punteggio di 3-0. Chiude la stagione disputando 33 incontri e segnando 2 reti. L’altra marcatura è realizzata contro l’Inter allostadio Meazza su calcio di punizione per il momentaneo 2-3 laziale. Durante il calciomercato estivo 2007 è oggetto di desiderio di molte squadre, tuttavia il presidente Lotito rifiuta ogni trattatica anche in vista della partecipazione alla Champions League.

Nella stagione 2007/08, malgrado la Lazio di Delio Rossi abbia qualche difficoltà, lui gioca sempre ad ottimi livelli diventando un giocatore indispensabile e realizzando nuovamente due reti dalla distanza contro Napoli e Udinese (entrambe terminate 2-2) e una su punizione ancora nel derby. Viene nominato vice-capitano ed ha l’onore di alzare, con il capitano Rocchi, la 5a Coppa Italia vinta dai biancocelesti nella stagione2008/09 ai calci di rigore sulla Sampdoria, realizzando il primo tiro dal dischetto.

Nella stagione successiva, per ii giocatore inzia un contenzioso con la società e viene messo fuori rosa per problemi contrattuali. La prima esclusione risale alla finale della Supercoppa Italiana, e successivamente non viene neanche inserito nella lista dei 21 giocatori convocabili per l’Europa League. Il 26 gennaio 2010 il collegio arbitrale dichiara “inammissibile” il ricorso di Cristian Ledesma che aveva chiesto la rescissione del contratto con la Lazio. Il giocatore non può quindi svincolarsi dalla società; l’argentino infatti avrebbe voluto approdare alla corte di Josè Mourinho dopo essere venuto a conoscenza della disponibilità dei dirigenti dell’Inter ad acquistarlo, proprio come già accaduto con l’ex compagno di squadra Goran Pandev.

Ma il presidente Lotito si rifiuta di cederlo e il giocatore nel febbraio 2010, con l’arrivo in panchina di Edoardo Reja al posto dell’esoneratoDavide Ballardini, viene reintegrato nella rosa della squadra e viene subito schierato tra gli undici titolari dal tecnico friuliano nella gara di ritorno di campionato contro il Parma, vinta dai biancocelesti per 2-0. Per il centrocampista argentino si tratta di un ritorno sul campo di gioco dopo un lungo periodo d’inattività. Contribuisce quindi alla disperata salvezza della Lazio risultando decisivo in quasi tutte le gare. Nell’estate 2010 il suo nome viene accostato a tutte le squadre più importanti (Milan, Juventus, Fiorentina) e, dopo aver sfiorato più volte la rottura sul prolungamento del contratto, la sera del 23 agosto firma il rinnovo per altri 5 anni, mettendo la parola fine al contenzioso.

Ha giocato una partita nella Nazionale italiana: (Italia-Romania, 17 novembre 2010). Ciò è stato possibile dal punto di vista regolamentare in quanto il giocatore, essendo sposato con un’italiana, ha doppia nazionalità. Il 2 luglio 2015, a contratto scaduto, la Lazio annuncia ufficialmente che le parti hanno deciso di non rinnovare l’accordo. Con un messaggio sul proprio sito la Lazio saluta il giocatore con parole commosse e lo ringrazia per quanto fatto in favore dei colori biancocelesti. Il giocatore ha disputato 8 stagioni in maglia biancoceleste, collezionando 259 presenze e 12 reti in Campionato. (Aggiornato a luglio 2015).
Il 1° luglio 2015 la Società biancoceleste pubblica sul proprio sito ufficiale un saluto dedicato al calciatore argentino. Qui appresso riportiamo il testo completo:

Cristian Daniel LEDESMA, centrocampista nato a Buenos Aires e cresciuto a Puerto Madryn in Patagonia, viene acquistato nel luglio 2006dopo l’esperienza al Lecce. Esordisce con la nuova maglia il 20 agosto nel primo turno di Coppa Italia, dove la Lazio batte 4-0 il Rende. La prima partita in Campionato, arriva invece il 10 settembre, contro il Milan. Cristian entra nel meccanismo di gioco della Lazio e si posiziona in mediana con Gaby Mudingayi e Massimo Mutarelli. Il primo gol con la maglia biancoceleste arriva in una partita fondamentale, il Derby contro la Roma, il 10 dicembre 2006. Ledesma esplode un tiro mancino da fuori area che coglie impreparato il portiere avversario, firmando così il vantaggio. La partita finirà 3-0 grazie ai successivi sigilli di Oddo e Mutarelli. Termina la sua prima stagione con la maglia biancoceleste disputando 36 partite, realizzando due gol e, con il terzo posto ottenuto in Campionato, conquista anche la possibilità di giocare il terzo turno preliminare di Champions League della stagione successiva.

La seconda annata si apre il 14 agosto 2007, con la partita d’andata per la qualificazione in Champions League. Nel ritorno disputato in Romania, la Lazio si qualifica ai gironi della massima competizione continentale, frutto della vittoria per 3-1 ai danni della Dinamo Bucarest: anche in questa partita gioca tutta la gara. Il 18 settembre 2007 esordisce in Champions nel pari per 1-1 contro i greci dell’Olympiacos. Dopo il pareggio per 2-2 ottenuto contro gli spagnoli del Real Madrid, poi torna in campo il 31 ottobre 2007 nel Derby capitolino, in questa gara realizza la sua prima rete stagionale, griffando su punizione l’ultima marcatura dei biancocelesti. Chiude la stagione con 43 partite disputate e 3 gol all’attivo. Nel 2008 viene nominato nuovo capitano Tommaso Rocchi ed il nuovo vice-capitano sarà proprio Cristian. Il 13 maggio 2009 arriva la partita più importante della stagione, la Lazio gioca la finale di Coppa Italia contro la Sampdoria davanti a 70mila spettatori circa.

Cristian, partito titolare con la fascia di capitano al braccio, realizza il primo rigore della serie dal dischetto conclusa da Ousmane Dabo, che permette ai biancocelesti di portare a casa il titolo nazionale, il primo dell’era Lotito. E’ proprio lui ad alzare il trofeo appena vinto, insieme aTommaso Rocchi. Il 23 agosto 2010 prolunga il suo contratto fino al 30 giugno 2015. Il 9 febbraio 2012 gioca la sua 200a partita con la maglia biancoceleste, partita vinta 3-2 contro il Cesena in rimonta. Il 26 maggio 2013 vince la sua seconda Coppa Italia, con la maglia della Lazio, battendo in una finale storica la Roma per 1-0. Conclude la stagione con 52 partite disputate, superando il suo record personale fissato l’anno precedente a 47 incontri. Il 18 agosto 2013 disputa da capitano la finale di Supercoppa Italiana a Roma contro la Juventus. Il 30 ottobre 2013, diviene il decimo calciatore ad aver disputato più partite con la maglia biancoceleste. Il 5 maggio 2014 raggiunge quota 300 presenze con la maglia della Lazio. In occasione di Lazio-Udinese del 25 settembre 2014, superando Diego Zanetti, diventa il decimo giocatore ad aver disputato più incontri, in Campionati italiani, con la maglia della Lazio con 248 presenze all’attivo.

Il 20 maggio 2015 segue dalla panchina la finale di Coppa Italia contro la Juventus. Gioca l’ultima gara con la maglia della Lazio il 31 maggio alSan Paolo contro il Napoli, nel match che ha dato ai capitolini l’accesso ai playoff di Champions, entrando in entrambe le azioni degli ultimi due decisivi gol biancocelesti. Ledesma lascia la Lazio dopo nove anni, con 318 presenze e 14 reti, fregiandosi nel suo palmares di due Coppe Italia e di una Supercoppa Italiana. La Società Sportiva Lazio ringrazia Cristian per l’impegno profuso e per la dedizione dimostrata ogni giorno in campo. Tutto il Club augura a Cristian le migliori fortune a livello professionale e umano. A fine agosto firma un biennale con il Santos. Successivamente dopo aver collezionato solo 4 presenze con il Santos rescinde il contratto e rimane disoccupato per il resto della stagione. Nell’estate 2016 si lega al club greco del Panathīnaïkos.

Altre storie daLa Nostra Storia

About La Redazione,