Vai a…

Cuoredilazio on YouTubeRSS Feed

Ma il Corriere Dello Sport Chi?


(giovedi 4 agosto 2016, ore 16,35)
Leggere la prima pagina romana dell’edizione del Corriere dello Sport Stadio di oggi  con quel titolo sull’ultimo acquisto della Lazio “ Leitner chi? ” accompagnato poi da frasi irrispettose e soprattutto inesatte come “ giocatore in crisi da anni” e “ era meglio tenere Onazi ”, mi ha fatto capire quanto sia grande il condizionamento mediatico negativo nei confronti della Lazio e quanto siano grandi gli interessi economici che da dietro sospingono questo condizionamento mediatico negativo. Un giornale NON PUO’ IN NESSUN MODO PERMETTERSI DI FARE  TITOLI DI QUESTO GENERE !!!
Il titolo di oggi è un insulto all’onestà intellettuale di ogni singolo tifoso, che evidentemente per il Corriere dello Sport e di conseguenza per il suo direttore attuale Alessandro Vocalelli che ne ha avallato la pubblicazione, è solo un puro e semplice nonché esclusivo strumento di guadagno e di consenso. Sul guadagno nulla di male poiché è la dinamica della vista di un quotidiano, ma sul consenso sinceramente no. Il consenso non si costruisce con il condizionamento, il pregiudizio, la malafede, la evidente e volontaria intenzione di innescare la tensione nell’ambiente Lazio. Questo non è e non sarà mai un consenso spontaneo ma pilotato e manipolato proprio perché va a crearsi sulle basi di un malcontento naturale che se rimanesse tale, sarebbe il classico malcontento costruttivo e fisiologico di una tifoseria che vede nella società, degli errori commessi.
E’ sempre stato cosi anche nel calcio delle altre ere e periodi, con contestazioni negli anni 30, negli anni 50, negli anni 70, anche sotto la miglior gestione “sportiva” della Lazio del fine millennio. Ma approfittare di questa presenza di insoddisfazione di popolo per costruirci sopra le fortune di vario tipo, come audience, economiche, di tiratura, di notorietà, è veramente disgustoso oltre che chiaramente fuori da ogni cognizione di rispetto civile e per certi casi, anche deontologico del mestiere che si svolge. L’attacco che il quotidiano sportivo romano svolge da tempo nei confronti della Lazio è oramai organizzato e sistematico e oserei dire, studiato a tavolino nei minimi dettagli. E non è una opinione questa ma la constatazione di scritti pubblicati, di prime pagine evidenziate e dei diversi criteri di giudizio applicati alle due squadre di Romane. Mentre per quanto riguarda la Roma, il Corriere usa sempre tutti e due i guanti bianchi ed è sempre attento a non urtare la suscettibilità della società e soprattutto della tifoseria che è il veicolo principale di vita di questo giornale, per quanto riguarda la Lazio invece si attacca a tutto spiano esagerando e andando spesso oltre quei ruoli e quei limiti che sono civilmente imposti dall’essere un giornale professionista di caratura nazionale e non un giornaletto di parrocchia fatto e strutturato da far schifo.
Questa prima pagina vergognosa di oggi non può non essere considerata l’ennesima incivile e irrispettosa, presa di posizione del tutto PARZIALE E NON IMPARZIALE COME SI DOVREBBE di una testata che invece dovrebbe principalmente limitarsi a fare cronaca di cosa succede. E’ vero che una testata giornalista ha cronaca e opinione, tutto vero e sacrosanto, ma non nel titolo di una prima pagina, nei titoli vanno enunciati ed espressi i fatti accaduti, poi nei pezzi interni, oltre a raccontare nel dettaglio questi fatti, si può fare opinione, ma nella prima pagina sui titoli NO E POI NO!!!
E di esempi in questi ultimi periodi purtroppo ne abbiamo a sufficienza. Vogliamo ricordare la prima pagina col titolo sull’auspicio di un cinese per la Lazio all’indomani dell’allora accordo cinese tra Milan e una cordata orientale?
“ Ma non c’è un cinese per la Lazio” 13942458_10206526735356329_127675488_nquesto era il titolo. Ma che centra? Si sta parlando di Milan e nel titolo si mette dentro la Lazio in maniera offensiva e irrispettosa verso il proprietario attuale della società ? ma il senso qual è se non quello di far letteralmente incazzare ancora di più una tifoseria che già di suo vede la proprietà della Lazio come il fumo agli occhi? Lo si è fatto apposta per istigare all’incazzatura e tutto questo perché? Ovvio per la risposta mediatica e d’impatto che si era sicuri di avere con un titolo contro la Lazio. Salvo poi dimenticarsi di dire come è andata a finire quella trattativa mai concretizzatasi e con Berlusconi che anticipava ben 100 milioni di euro convinto di riprenderli all’accordo e mai invece ripresi. Sono questi i cinesi che ci si augura per la Lazio? Beh se sono questi quaquaraquà, allora meglio mille volte la proprietà attuale.
e il titolo “ Lazio 11 abbonati “ dove lo mettiamo? 13942290_10206526717435881_1952670647_nMa i continui fallimenti nelle trattative della Roma in quale pagine sono evidenziate? In nessuna ve lo dico io…
Però i titoli per vendere il giornale si fanno ugualmente come; “ Roma per Ibra si Sogna” sparato a otto colonne per attirare i lettori….
13884336_10206526717035871_2073345475_nCome mai tutte le notizie sulla Roma nel 95% dei casi sono comunque enfatizzate in positivo e per la Lazio avviene esattamente al contrario? L’ultima prova sta nei titoli di questi giorni, la Roma acquista il difensore centrale Fazio, un normale giocatore e il corriere a otto colonne come sempre scrive “ Roma preso Fazio”, un titolo normale, imparziale che si limita alla cronaca pura del fatto, e cioè dell’acquisto di questo giocatore. 13883735_10206526728356154_2029902809_nCome mai non no visto per la Roma il titolo invece fatto per la Lazio con Leitner? Come mai non ho visto un
“ Fazio chi? ”, perché il rapporto di carriera e tutto sommato di notorietà dei due giocatori è molto simile. No quando mai, sarebbe fare un grosso sgarbo alla società Roma e alla sua tifoseria  mentre della società Lazio e dei suoi tifosi che ce frega anzi, facciamoli incazzare ancora di più che cosi ci rende meglio….
eppure analizziamo i due giocatori e le due operazioni. Perché purtroppo nemmeno questo il corriere ha fatto, si avete capito bene, non si è documentato a dovere e non ha fatto nemmeno un’analisi delle due operazioni di mercato. Sui social moltissimi normali tifosi sono riusciti a fare queste valutazioni logiche e intellettualmente oneste, e guarda caso un giornale professionale con tanto di giornalisti di esperienza e direttori di tutto rispetto no. Forse perché non hanno volontariamente farle? Io ho il forte sospetto di si, perchè non ci sarebbe poi stato quell’impatto mediatico che il corriere voleva. E allora eccovela la semplice analisi delle operazioni di mercato che hanno però portato a due titoli da prima pagina dello stesso giornale, diversi.
acquisto Roma:
FEDERICO FAZIO anni 29 nazionalità Argentina con passaporto anche italiano
difensore centrale destro proveniente dal Tottenham dove giocava dal 26 agosto del 2014 fino al 1 febbraio 2016.
Dal 2 febbraio del 2016 è tornato in prestito al Siviglia fino alla fine della stagione dove poi è rientrato a Londra. Siviglia che era la squadra da dove il Tottenham lo ha comprato nell’agosto del 2014 a 10 milioni di euro. L’operazione della Roma è avvenuta con 1,2 milioni di prestito oneroso e obbligo di riscatto a 4 milioni, per un totale di 5,2 milioni di euro.
ma andiamo a vedere quanto ha giocato Fazio che ripetiamo non è più giovincello ma ha 29 anni quindi di certo va verso una fase calante e non ascendente a livello di prestazioni sportive.
squadre come il Tottenham militante in Premier League, giocano mediamente in stagione tra campionato, coppa di lega, coppa d’Inghilterra, coppe Europee tra le 60 e le 70 partite annue ( 42 sono solo di campionato) quindi in un anno è mezzo di militanza nel club londinese, su diciamo 100 partite potenziali Fazio quante ne ha giocate? 20, si 20 partite in un anno e mezzo con 1177 minuti giocati che divise le 20 partite fa una media gioco di 58 minuti a partita. Di certo non possiamo dire che sia stato un titolare fisso !!!
Ma guardiamo gli ultimi mesi al Siviglia: nelle 19 partite rimanenti della Liga ne ha disputate 4 e mai per 90 minuti. In Europa League vinta dal Siviglia partendo da febbraio alla ripresa della seconda fase, su 6 partite ne ha giocate due, una contro il Molde al ritorno dei sedicesimi, e una contro il Bilbao ai quarti di andata. Il resto delle partite non convocato. E ma sarà stato infortunato quest’anno altrimenti non è possibile che un giocatore affermato di 29 anni, giochi cosi poco. Mi spiace, due mesi fermo da agosto e 10 giorni fermo a fine ottobre, poi sanissimo e a disposizione.
Adesso ragioniamo insieme: ma un giocatore che ha 29 anni e che gioca in Premier, se fosse stato forte e appetitoso al mercato Europeo, sarebbe arrivato al 3 agosto ad essere acquistato dalla Roma con solo 5 milioni pagati con prestito e obbligo di riscatto successivo quindi con una formula altamente fruibile per moltissime società anche quelle di medio cabotaggio? Oppure è molto più logico sostenere che Fazio è uno dei tanti giocatori senza infamia e senza lode che erano presenti nel panorama mondiale professionistico? Altrimenti un difensore centrale che di questi tempi è merce rara, se è forte e se soprattutto è in vendita, veniva altamente attenzionato tempo prima da moltissime squadre e certamente la Roma non lo avrebbe potuto comprare comodamente con pochi soldi come ha fatto. Forse si è potuto fare proprio perchè questo giocatore in realtà è un giocatore normale anche meno? E allora perché non ho visto il corriere prendere posizione sull’acquisto di questo difensore cosi come ha invece preso posizione e anche dura sull’acquisto del giovane centrocampista tedesco della Lazio?

Ma veniamo a Leitner:
MORITZ LEITNER  anni 23 nazionalità Tedesca e austriaca acquistato nel 2011 ( quindi a soli 19 anni) dal Dortmund per 5,8 milioni di euro dal Monaco 1860.
centrocampista centrale destro che si adatta anche altri ruoli di centrocampo.
91 presenze complessive in Bundesliga negli ultimi 4 anni
7 presenze in Champions League negli ultimi 3 anni
5 presenze in Europa League negli ultimi 3 anni
dal 2011 ha avuto infortuni normali per un massimo di 30 giorni complessivi a stagione fuori. La scorsa stagione è stato fuori solo 10 giorni complessivi.
1 presenza nella nazionale austriaca under 17 ( esordio in nazionale under 17 il 21/05/2008)
8 presenze con 7 gol nella nazionale tedesca under 19 ( esordio in nazionale under 19 il 06/09/2010)
2 presenze con 2 gol nella nazionale tedesca under 20 (esordio in nazionale under 20 il22/03/2013)
24 presenze con 7 gol nella nazionale tedesca under 21 ( esordio in nazionale under 21 il 09/08/2011)
totale quindi 1 presenza con la nazionale under 17 austriaca e 34 presenze con 16 gol nelle rispettive nazionali tedesche giovanili under 19/20/21
in questa ultima stagione al Dortmund ha totalizzato 9 presenze in Bundesliga e 3 in Europa League.
Klopp l’allora allenatore del Borussia, lo volle a tutti i costi e la federazione tedesca lo convinse a giocare per la Germania lasciando di fatto l’Austria, non volendo perdere un talento cosi espresso.
ovvio che essendo giovane è ancora discontinuo ma da qui a parlare di questo giocatore come un perfetto sconosciuto è quanto mai irriverente e soprattutto denota la grande ignoranza calcistica che in un giornale professionale come dovrebbe essere il corriere dello sport, non dovrebbe albergare. Oltretutto definire questo giovane che ha giocato discretamente per l’età che ha mettendosi in evidenza anche con le rispettive rappresentative nazionali, un giocatore in
“ crisi da anni ” è assolutamente falso e tendenzioso. Poi non parliamo della frase “ era meglio tenere Onazi ” che è proprio la ciliegina sulla torta di una assoluta mancanza di conoscenza delle più elementari dinamiche di mercato.  L’operazione Onazi è per me un’ottima operazione di mercato che permette con un sol botto, di liberare un posto da extracomunitario in rosa in modo da poter valutare a 360° gradi senza restrizioni, tutti i giocatori. Permette inoltre di poter acquistare un altro giovane tecnicamente più dotato ad un terzo dei soldi incassati per la cessione di Onazi. Il risultato è quindi che ci si ritrova lo stesso numero di centrocampisti, lo stesso tasso tecnico complessivo se non più alto, 4 milioni in più in casa è un posto libero da extracomunitario che è direttamente collegato anche alla trattativa per Rodrigo Caio che allo stato attuale è ancora un giocatore extracomunitario e quindi la Lazio se riuscirà nell’intento di acquisirlo, potrà tesserarlo senza problemi.
Voglio quindi pensare che tutto questo ragionamento semplice e logico che la gran parte dei tifosi razionali può fare, non sia stato fatto al corriere solo ed esclusivamente per quella superficialità di analisi che al giornale adottano quando parlano di Lazio.  Se pensassi che tutto è fatto con studiata volontà di danno mediatico, la cosa assumerebbe contorni ben più gravi e disgustosi.
quindi in conclusione rivolgo un caloroso invito al nuovo responsabile della comunicazione Diaconale affinchè da subito faccia sentire la voce della società negli ambiti giornalistici in modo da non subire più queste umiliazioni e questi attacchi gratuiti atti solamente allo sbeffeggiamento irriverente e irrispettoso della società sportiva Lazio. Questi giornali meriterebbero di essere ripagati con la stessa moneta e allora io nel mio piccolo lo faccio e grido a tutti ,
MA CORRIERE DELLO SPORT CHI?

Rodolfo Casentini

Altre storie daL'opinione

About Rodolfo Casentini,