Vai a…

Cuoredilazio on YouTubeRSS Feed

Promossa la prima Lazio del Comandante, e Pedro incanta….


Attesissima la prima della Lazio di Sarri in quel di Empoli. Oltre ai fantastici tifosi al seguito, circa 2.000, che hanno fatto giocare la Lazio di fatto in casa, tutti gli spettatori televisivi aspettavano con grande curiosità questa prima uscita ufficiale.

Ebbene alla fine della giostra sarriana si può tranquillamente promuovere la sua prima Lazio.

Non era una gara semplice, si sapeva che le neopromosse partono con una preparazione diversa rispetto alle grandi. Dunque, Empoli con più corsa e attento ad ogni dettaglio. I primi minuti confermavano lo spartito previsto. Pronti via Lazio assatanata, ma basta una ripartenza veloce dei toscani ed è subito gol.

Inizio in salita e qui vengono subito a galla i meriti di Sarri. La sua Lazio non si scompone e ribalta tutto in soli 25 minuti.

Finalmente sfruttati a dovere i calci d’angolo con schemi avveniristici. Finalmente cinismo sotto porta, come dimostra la scorribanda di un Lazzari versione superturbo. Finalmente dominio della gara malgrado qualche rischio (calcolato) nei ribaltamenti

Non è ancora la vera Lazio ovviamente. È solo 1 mese e mezzo che è istruita su una filosofia di gioco totalmente diversa dal passato e il mercato è in piena evoluzione. Questi elementi soggettivi rendono ancor più preziosa e convincente la vittoria di Empoli.

A parte i soliti noti, Milinkovic da sballo, speedy Lazzari, Luiz Felipe insormontabile, ha incantato un certo Pedro, ritenuto, da alcuni incompetenti, finito ed scartato. Nulla di più errato. Appena arrivato e senza allenamento sforna una gara sontuosa, tra prelibatezze tecniche ed altruismo per i compagni. Un acquisto boom che Sarri ha fortemente voluto e adesso si capisce il motivo.

Bene I nuovi, Felipe Anderson e Hysaj, da limare alcuni movimenti tra le linee. Luis Alberto, entrato nel secondo tempo, è in ritardo di condizione, c’è solo da pazientare.

Ottima la scelta di far sedere in tribuna Correa in attesa di novità sulla sua probabile ma non sicura cessione.

Riguardo ai numeri della gara Lazio superiore in ogni voce, dal possesso palla (55%) ai passaggi riusciti (87%). Dato negativo I troppi tiri concessi ai toscani (16). Ma, come scritto, per essere la prima Lazio non ci può lamentare. Sarri sa dove intervenire e comunque una prova così fa ben sperare.

Nel post partita il Comandante ha mostrato tutta la sua soddisfazione. E questa è la garanzia più importante per il futuro.

Altre storie daEditoriale