Vai a…

Cuoredilazio on YouTubeRSS Feed

Trofeo alla Lazio e parola a Simone Inzaghi: Biglia resta


(Auronzo di Cadore, 23 luglio 2016 ore 18.30)

Simone Inzaghi ha fatto il punto dopo la partita contro la Spal vinta ai rigori dalla Lazio (1-1 nei novanta di gioco, a segno ancora Djordjevic) che ha regalato ai biancocelesti il trofeo Tre Cime di Lavaredo.

Auronzo: Due settimane intense. Sono contento e abbiamo chiuso con due buoni test contro Padova e Spal. Abbiamo fatto del nostro meglio e i giovani hanno dato tutto

Futuro: Sappiamo che c’è da fare delle operazioni di mercato. Con la società mi sento quotidianamente. È arrivato Lukaku e sta arrivando immobile. Poi faremo acquisti in difesa mentre per gli esterni di attacco dovremo valutare la situazione Candreva. Sul fronte terzini con Basta e Patric a destra e con Radu e Lukaku a sinistra stiamo a posto.

Keita: non ha giocato perchè aveva un problema fisico e da martedi sarà in gruppo. Punto tantissimo su di lui, ci dà la possibilità di spaccare le partite e dobbiamo trattenerlo. La società e l’allenatore lo vogliono, lui ha delle richieste, è in un limbo. Ha lavorato bene. Situazione che risolveremo nel più breve tempo possibile.

Candreva: sembra un partente. Antonio è un grandissimo giocatore e ci ha fatto vincere le partite. Sembra che debba cambiare squadra è un top player se lo perderemo ne acquisteremo un altro del suo stesso valore.

Biglia: È il nostro capitano e il nostro punto di partenza, è tra i migliori tre al mondo nel suo ruolo. Resterà sicuramente.

Nazionali: Arrivano il 30 e dovranno lavorare tanto. Non li rischieremo e l’obiettivo è portarli al massimo della forma per l’inizio del campionato

Giovani: I giovani si sono messi in mostra ma dovranno fare la loro giusta crescita nelle serie inferiori.

Attacco: Reparto offensivo è completo. Djordjevic ed Immobile sono due centravanti con caratteristiche diverse, il primo più fisico, il secondo più mobile. Stiamo bene così.

Carlo Cagnetti

 

 

 

 

 

Tags: , ,

Altre storie daConferenza Stampa

About Carlo Cagnetti,