Vai a…

Cuoredilazio on YouTubeRSS Feed

Una Lazio decisa a salire il gradino


( martedi 20 maggio 2017, ore 10,30)
Una stagione importante, a tratti esaltante. Un campionato ad alti livelli quello giocato dalla Lazio, un’annata dalla quale ripartire.
Non saranno certo tre sconfitte, inutili, a scalfire il fantastico lavoro di Simone Inzaghi e dei suoi ragazzi. Questo è stato un anno davvero a tinte biancocelesti sotto tutti i punti di vista. Dalle difficoltà con le quali è iniziato, con l’ambiente disfattista che già vedeva la Lazio lottare per la salvezza, al contributo fondamentale della Curva Nord che ha riportato un entusiasmo incredibile e che sembrava svanito. Nel mezzo, appunto, “Simoncino”, che ha saputo dare alla squadra quel tocco di lazialità che mancava.
Ha dovuto combattere la Lazio, lo ha dovuto fare soprattutto contro quel “fuoco amico” che ha sempre avuto la pistola carica, pronto a sparare ogni volta che i biancocelesti cadevano. I tifosi 2.0, i comunicatori che vivono per destabilizzare e che sperano che la squadra vada male per avere quel minuto di notorietà con un articolo o un post “tragico” su Facebook. Qualcuno ha addirittura provato ad intaccare la stagione della Lazio, criticandola dopo la sconfitta a Crotone. Dá fastidio veder perdere la propria squadra, ma chi ha giocato a calcio sa che, purtroppo o per fortuna, contano le motivazioni. E la Lazio i suoi obiettivi già li aveva centrati.
La speranza è che questo modus operandi fastidioso arrivi e mandi in tilt il cervello di Lotito e che capisca definitamente che é arrivato il momento di compiere davvero quel salto di qualità, di zittire tutti coloro che “gufano”, che non aspettano altro per dire “io ve l’avevo detto”. Perché la palla adesso passa a lui, Inzaghi si è fatto sentire, i tifosi sono tornati allo stadio. Gli ingredienti ci sono tutti, ancora una volta.

Altre storie daL'opinione

About Paolo Signorelli,