Bella Lazio, ordine e progresso, ora i turchi..


Sembra essere arrivata la prima svolta stagionale della Lazio di Sarri. Così sembra se ci pare…

Genova per lui poteva essere uno snodo nodoso, soprattutto dopo i 10 gol subiti in 3 gare ed il solo misero punto ottenuto contro l’Udinese, ed invece si è rivelato un porto sereno dove attraccare la sua nave biancazzurra con il dovuto ordine.

Ordine, parola chiave, che aveva chiesto ai suoi uomini ed ordine, leggasi equilibrio tattico, che è stato eseguito. Con progressi evidenti.

Gara conclusa nel primo tempo grazie ad una prova perfetta sotto ogni profilo che ha esaltato il gigante Milinkovic, al suo record storico di gol nella storia dei centrocampisti della Lazio (52, superato Pavelino Nedved) , e l’Immenso Ciro Immobile alla sua doppietta canonica che ha benedetto i tre punti nel Marassi blucerchiato. Secondo tempo buono solo per polemizzare un po’ (arbitro Fabbri indicibile) su cui è davvero inutile soffermarsi.

Strakosha eccellente come Basic e Zaccagni, migliore in campo, evidentemente la campagna acquisti non è stata così malvagia, e che dà a Sarri un bel po’ di sollievo per le prossime gare. In primis, la finale contro il Galatasaray di giovedì prossimo, che, in caso di vittoria, può dare alla Lazio il primo posto nel girone, gli ottavi, 2 gare toste in meno da giocare e 3 ml in più che si aggiungono ai 9 già nel carniere. Tanta roba direbbe Sarri.

Ordine e progresso per crescere ancora. Mamma, ecco i turchi. Da battere per un’altra svolta stagionale.