Testa e cuore, la Lazio sbanca Verona e si aggrappa alla Champions


Sembrava finita con un inutile zero a zero, ed invece un cross vellutato di un eterno Radu baciato da una capocciata memorabile di Sergione Milinkovic regala alla Lazio una vittoria di Importanza capitale che permette di piegare un velenoso Hellas Verona

La Lazio c’è, vince su un campo difficile in modo meritato e porta a casa tre punti IndiLAZIOnabili per la zona champions.

Occasioni poche, ma gridano vendetta il palo di Immobile e il gol annullato a Caicedo.

Verona teso solo a distruggere e sperare in qualche ripartenza. Buona la prova di tutta la Lazio, è forse mancata un po’ di verve nel primo tempo, ma la condotta ostruzionistica del Verona ha sicuramente influito

Nel secondo tempo I biancocelesti hanno attaccato a testa bassa contro il fortino veronese portando il cuore oltre l’ostacolo. Non si poteva pareggiare una gara così, anche perché le dirette rivali Juve e Napoli vincevano.

La capocciata del Sergente allo spirare della battaglia ha messo le cose a posto, regalando ad Inzaghi, a casa per il covid, una gioia incommensurabile e alla Lazio la consapevolezza che non si deve mollare nulla.

La Lazio c’è e messaggia il campionato con un SMS. Lotteremo fino alla fine. C’è da giurarci.