Covid-19: adesso nessuno chiede la sospensione


Domani, 6 gennaio 2022, dopo la classica sosta natalizia, riparte il Campionato Italiano di Calcio Serie A.

Riparte con la prima giornata del girone di ritorno, con la sessione invernale del calciomercato, e soprattutto con 18 squadre di Serie A alle prese con il COVID-19.

18 squadre su 20. Sì, avete letto bene! 18 squadre su 20 e al momento, tra le due immuni c’è solo la Lazio. Proprio la Lazio, la stessa squadra che due anni orsono, veniva tacciata di essere il covo degli untori del calcio nostrano.

Oggi, con una ripresa molto alta della pandemia, con la Serie A quasi completamente colpita dalla positività dei suoi tesserati, nessuno, proprio nessuno si sogna di chiedere la sospensione del campionato di calcio. Non abbiamo ancora letto un post di alcun opinionista o tifoso, scrivere “Fermiamo tutto…. Mandiamo tutto a monte”

Nessun titolone a 9 colonne come successo due anni fa, sui famosi giornali sportivi, siano essi Gazzette, Corrieri sportivi o Tuttosport. La situazione sanitaria e sicuramente peggiore, almeno dal punto di vista calcistico rispetto a due anni fa. Con la Lazio ad un punto dalla vetta della classifica tutti si stracciavano le vesti chiedendo la sospensione del campionato.

Quello che ci piacerebbe sapere è il motivo per il quale sia la Lega di serie A, che la FIGC, non aprono bocca a commento della situazione pandemica nel calcio italiano. Sarà mica che il problema dello sport più seguito In Italia era la doppia presidenza di Claudio Lotito?

Deduciamo che il calcio ai tifosi, opinionisti, giornalisti, direttori di quotidiani, il calcio piaccia ancora… Quindi a questo punto, deduciamo anche che forse due anni fa non piaceva la classifica del momento?

Un dubbio è lecito: non sarà che Giulio Andreotti aveva ragione quando diceva che a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca?

Serie A, tutti i positivi per squadra aggiornata al 4 gennaio 2022:

  • Atalanta: 2 componenti del gruppo squadra (non specificati i nomi)
  • Bologna: Aaron Hickey, Marco Molla, Nicolas Viola, Nicolas Dominguez
  • Cagliari: Nahitan Nandez
  • Fiorentina: 2 calciatori (non specificati i nomi)
  • Genoa: Domenico Criscito, Laurens Serpe
  • Inter: Edin Dzeko, Martin Satriano, Alex Cordaz
  • Juventus: Giorgio Chiellini, Carlo Pinsoglio, Arthur
  • Milan: Ciprian Tatarusanu, 1 giocatore (nome non comunicato)
  • Napoli: Kevin Malcuit, Mario Rui, Eljif Elmas, Victor Osimhen, Hirving Lozano,
  • Roma: Daniel Fuzato, Borja Mayoral, 1 giocatore (nome non comunicato)
  • Salernitana: 9 calciatori (nomi non specificati
  • Sampdoria: Tommaso Augello, Wladimiro Falcone
  • Sassuolo: 3 calciatori (non specificati i nomi)
  • Spezia: Viktor Kovalenko, Rey Manaj, Petko Hristov, Mbala Nzola
  • Torino: 5 calciatori (nomi non comunicati)
  • Udinese: 7 calciatori (nomi non comunicati)
  • Venezia: calciatori (nomi non comunicati)
  • Verona: 2 calciatori (nomi non comunicati)
  • 15 membri del gruppo squadra (non specificati i nomi): 3 Fiorentina, 2 Sampdoria, 3 Empoli, 1 Sassuolo, 2 Torino, 2 Udinese, 2 Verona
  • 2 allenatori: 1 Genoa, 1 Napoli

(si ringrazia il sig. Marzio Giau)